b_0_0_0_10_images_gnocchi-di-patate.jpg

Un piatto tipico delle tavole italiane, gli gnocchi di patate fatti in casa  sono un must dei pranzi della domenica. Conditi con il sugo o con il pesto, sono amati sia da grandi che piccini. La ricetta originale degli gnocchi, come quella che preparava mia nonna , è semplicissima ed e'a base di patate, farina, uova e sale.

Per prepararli non ci vuole nemmeno molto tempo: una mezz’ora è più che sufficiente, ma per avere degli gnocchi buoni, belli compatti ci sono accorgimenti che devono essere seguiti. 

Per quanto riguarda gli strumenti necessari dovete dotarvi di una pentola, una schiaccia patate, una spianatoia..

Ingredienti per 4 persone

500 gr di patate lessate con la buccia,

150 gr di farina 00,

2     cucchiai di uovo sbattuto,

       sale.

- Le patate qualità e cottura:

L'ingrediente principale sono le patate che influiscono in maniera preponderante nella preparazione. La qualita' migliore e' quella farinosa perche' le patate di questa varieta' hanno la caratteristica di non assorbire molta acqua, la loro polpa rimane bella soda e quindi nella lavorazione necessitano di meno farina. Se utilizzate questo tipo di patate vi consiglio di introdurre la farina poco per volta perche' ne potrebbe servire meno dei 150 gr previsti in ricetta.

Se invece, come succede anche a me, avete in casa delle patate che non sapete a quale famiglia appartengano per avere gnocchi davvero buoni dovete seguire dei semplici passaggi. Prima di tutto portate a bollore le patate con la buccia in abbondante acqua fredda e quando con la forchetta si bucheranno facilmente scolatele molto bene. Inseritele subito da calde con la buccia in uno schiacciapatate, premete leggermente per far scendere l'acqua che hanno assorbito, vedrete quanto ne uscirà, ripetete l'operazione finche' dai fori non fuoriesce la purea di patate. Questo procedimento serve per ottenere una purea possibilmente più asciutta, il cercare al contrario di far assorbire l'acqua aumentando la dose di farina darebbe vita ad un prodotto troppo duro. Se proprio avete necessità di aggiungere delle polveri, unite della fecola di patate.

- Come e quanto impastare:

gli gnocchi devono essere impastati pochissimo giusto il tempo necessario per formare un composto omogeneo. Una  lavorazione lunga darebbe vita a degli gnocchi collosi. Per facilitarvi nel compito, eseguite questo procedimento quando ancora il composto e' caldo. Non lasciate mai riposare il composto, ma iniziate subito a creare dei filoncini dallo spessore di un mignolo circa. Non aggiungete farina, ma infarinate eventualmente un po' la spianatoia nel punto in cui state creando il filoncino. Tagliate poi i filoncini con un coltello a tocchetti di 2 cm e poi potete lasciarli cosi' o passarli nell'arriccia-gnocchi. Lasciate poi riposare gli gnocchi per circa 20/30 minuti.

- Il riposo:

il riposo e' necessario per permettere agli gnocchi di rapprendersi, raffreddarsi e di formare una piccola pellicina. Tutto cio' per farsì che durante la cottura non perdano la propria forma. Il cuocere gnocchi senza riposo potrebbe dar vita ad un prodotto colloso e troppo molle. Al contrario lasciare gli gnocchi all'aria per più di mezz'ora, farebbe indurire troppo la superficie e si otterrebbero degli gnocchi troppo duri e scuri. 

- La cottura:

gli gnocchi devono essere cotti in una pentola capiente con abbondante acqua bollente e salata. Non devono essere assolutamente girati per evitare che si rompano. Prima di immergerli scuoteteli con delicatezza per eliminare l'eventuale farina. 

Saranno cotti quanto saliranno a galla, mi raccomando non scolateli tutti insieme per evitare che si attacchino, ma prelevateli dalla pentola con un colino forato e metteteli sulla padella con il sugo. Saltateli con delicatezza.

- La conservazione:

come tutta la pasta fresca che contiene l'uovo andrebbe cucinata subito dopo averla preparata . Se non potete cuocerli subito, non mettete gli gnocchi in frigo, ma lasciateli sopra degli asciughini su di una spianatoia di legno leggermente spolverati con della farina per un massimo di 3 ore.

- La congelazione:

distribuite gli gnocchi in dei vassoio adatti al frezeer  ben distanziati tra di loro e leggermente spolverati di farina. Metteteli a congelare e non appena si saranno induriti versateli nelle apposite buste. Il congelarli prima nei vassoi permette di non farli attaccare e garantisce un prodotto pressoche' simile a quello fresco. Al bisogno cuoceteli in acqua bollente ancora congelati.

- Procedimento:

tenendo conto di quanto ho descritto sopra il procedimento e' abbastanza semplice:

disponete la purea di patate ancora calda in una spianatoia, fate una sorta di fontana ed al suo interno mettete uno o due pizzichi di sale e 1/2 uovo sbattuto. Impastate con una forchetta aggiungendo via via la farina. Continuate fino a formare un composto omogeneo e liscio, fate poi dei filoncini prelevando il composto dall'impasto principale e date vita agli gnocchi o come vengono chiamati nella mia citta' ai topini. Procedete poi alla cottura. 


Passaparola!

Condividi con i tuoi amici questo contenuto, cliccando sul tasto  Condividi  e  Segui Google+  qui sotto, in modo da aiutarmi a farmi conoscere sempre piu'...grazie di cuore, un abbraccio!!


Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

logo tristar-b.jpg

princess-border.jpg

haccp.png

Associazione-Nazionale-Cuoche-a-Domicilio-2.jpg

 

Chiara con gusto  - Facebook

Chiara con gusto - Twitter

Chiara con gusto

Chiara con gusto    Chiara con gusto - Pinterest

 

 

 

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la direttiva del Garante della Privacy.

  ACCETTO L'UTILIZZO DEI COOKIE SUL SITO.